Questo sito, per una migliore fruizione dei contenuti usa dei cookies. Se vuoi approfondire l'argomento, clicca su Privacy, altrimenti clicca su Ok per continuare a navigare nel sito.

Cosa sono le Catene Lineari?

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 
Testatina articleLe Catene Lineari del Corpo e dello Spirito

Dovremmo tutti ringraziare, (Calligaris lo aveva già fatto a suo tempo) quella sconosciuta e sensibile fanciulla, che un mattino, al tocco del martelletto del Neuropatologo, durante una visita di routine, gli disse di avvertire come una leggera scossa elettrica, in un punto del corpo, dove non avrebbe dovuto verificarsi. La natura curiosa del Prof. Calligaris, unita ad un'apertura mentale fuori dal comune, considerando anche il periodo storico, il mondo accademico da cui proveniva e la branca scientifica scelta: Neuropatologia.
Fatto sta, che Calligaris, inizia da quel momento, un lungo cammino di ricerca, fatto di sperimentazione ininterrotta, durata fino al termine della sua vita.

Migliaia di prove, su centinaia di soggetti diversi, ed al culmine della sua carriera medica, dovette farsi aiutare anche da fidati collaboratori, che nei suoi scritti, non mancò mai di ringraziare. Quello studio che ci ritroviamo oggi fra le mani, diviso in parecchi volumi, è a mio avviso, una delle scoperte più sconcertanti, avvincenti e avanzate degli ultimi 300 anni: "Le catene lineari", una serie interminabile di linee, che si incrociano sul corpo dell'uomo in numero incredibile. Ma la particolarità più sorprendente di queste linee, è la loro inscindibile concatenazione con gli organi interni: ad ogni linea corrisponde un organo con (o senza), le sue funzioni, che a loro volta, instaurano nel soggetto, determinati stati d'animo e segnali corporei, chiamati (ripercussioni di repère). Il meccanismo e le funzioni di questi 3 elementi, è così interconnesso, così preciso, così preordinato e così indissolubile, che sfocia a pieno diritto, in una legge naturale, a noi attualmente sconosciuta.

Come il famoso enunciato matematico, della proprietà commutativa della moltiplicazione "Cambiando l'ordine dei fattori il risultato non cambia", così la compressione di un qualsiasi viscere, suscita nell'animo di un soggetto un dato sentimento, che a sua volta, rende iperestesica una linea a esso collegato, ma anche, se un soggetto suscita nel suo animo un certo sentimento, questo si ripercuote immancabilmente anche sul viscere ad esso collegato e nello stesso tempo rende iperestesica la linea ad esso rapportata, oppure se rendiamo, con opportune tecniche, iperestesica una certa linea, essa suscita uno stato d'animo nel soggetto e, nel contempo, risponde il viscere collegato, con la sua leggera parestesia.

Questa è la legge delle Catene Lineari (mai nome fu più azzeccato!), che esclude irrimediabilmente, la casualità e la saltuarietà. Le catene lineari sono salde come una roccia nel loro esplicitarsi, proprio per la caratteristica della ripetibilità oggettiva, non dovuta cioè, a semplici percezioni di soggetti particolarmente ipersensibili, o a immaginazione e voli di fantasia degli stessi. Nell'immagine sotto, vediamo appunto il sistema di queste linee, ed il rapporto che hanno con il viscere e sentimento collegato.

Le 9 linee che sono raggruppate in 1 cm di larghezza, convenzionalmente, vengono chiamate "Bande". Assiali se riguardano le dita in senso longitudinale, interdigitali, se riguardano lo spazio fra le dita, sempre in senso longitudinale. Esiste anche il sistema delle "Bande Trasversali" identico, in tutto e per tutto, per quanto riguarda la funzionalità e le interconnessioni, con il sopracitato sistema, ma inclinato di 90°, andando ad incrociarsi ad angolo retto a quello "Longitudinale", formando, quindi, il "Quadrato Fondamentale". Le 8 linee (4 a destra e 4 a sinistra), sono le linee secondarie, di cui parleremo, diffusamente più avanti. Un'ultima annotazione: la linea centrale assiale è collettrice, come tutta la banda, con le sue annesse 8 linee secondarie larga 1 cm, vale a dire: la banda, avendo la funzione collettrice, assomma tutte le specificità delle linee secondarie. Possiamo quindi concludere, che la sola linea centrale ha lo stesso valore funzionale di tutta la banda. Nell'immagine completa del grande quadrato, sono elencate le varie interazioni tra le diverse linee, sia trasversali che longitudinali, dove sono spiegate in modo più completo ed esaustivo, i riflessi chiro-splancnico, cutaneo-splancnico e psico-splancnico, che regolano il meccanismo delle catene lineari. Buon lavoro, e buona ricerca.
Claudio Salvatore Letterato

Linee longitudinali

Banda N° 1. - Le dissociazioni mentali, i segmenti del sistema nervoso cerebro-spinale, le radici e i nervi.
1. Dissociazione di tutte le emozioni, cuore, radices et rami peripherici.
2. Dissociazione di tutti i sonni, apparato respiratorio e medulla lumbo-sacralis.
3. Dissociazione di tutti i piaceri, pancreas e medulla dorsalis.
4. Dissociazione di tutti i dolori, milza e medulla cervicalis.
5. Dissociazione di tutti gli odii, fegato, basis cerebri et cerebellum.
6. Dissociazione di tutte le memorie, apparato sessuale e subcortex inferior.
7. Dissociazione di tutti gli oblii, apparato gastrico e subcortex superior.
8. Dissociazione di tutti gli amori, intestino e cortex cerebri

Banda N° 2. - Gli amori e i segmenti dell'intestino.
1. Amore sessuale e duodeno.
2. Amore familiare e digiuno.
3. Amore patrio e ileo.
4. Amore umanitario e religioso, cieco e appendice.
5. Amore per la società e colon ascendente.
6. Amore per la natura e colon trasverso.
7. Amore per l'arte e colon discendente.
8. Amore per il lavoro, sigma colico e retto.

Banda N° 3. - Gli oblii e i segmenti dell'apparato gastrico.
1. Oblio dell'amore sessuale e piloro.
2. Oblio della famiglia e segmento inferiore dello stomaco.
3. Oblio della patria e segmento medio dello stomaco.
4. Oblio dell'umanità e della religione e segmento superiore dello stomaco.
5. Oblio della società, cardias e segmento inferiore dell'esofago.
6. Oblio della natura e segmento superiore dell'esofago.
7. Oblio dell'arte e faringe.
8. Oblio del lavoro e bocca.

Banda N° 4. - La memoria, i segmenti degli organi sessuali e la vescica urinaria.
1. Ricordi sessuali e vescica urinaria.
2. Ricordi familiari e uretra.
3. Ricordi patrii, testicoli e ovaie.
4. Ricordi umanitari e religiosi, condotti deferenti e trombe.
5. Ricordi di società, utricolo prostatico e utero.
6. Ricordi inerenti agli aspetti della natura, un segmento del pene e vagina.
7. Ricordi d'arte, un segmento del pene e clitoride.
8. Ricordi inerenti al lavoro, glande e vulva.

Banda N° 5. - Gli odii e i segmenti del fegato.
1. Odio per l'amore sessuale e margine anteriore del fegato.
2. Odio per la famiglia e segmento retrostante del fegato.
3. Odio per la patria e segmento retrostante del fegato.
4. Odio per l'umanità e per la religione e colecisti.
5. Odio per la società e segmento retrostante del fegato.
6. Odio per la natura e segmento retrostante del fegato.
7. Odio per l'arte e segmento retrostante del fegato.
8. Odio per il lavoro e margine posteriore del fegato.

Banda N° 6. - Le associazioni mentali, i segmenti dei reni e del sistema neurovegetativo.
1. Confusione di tutte le emozioni, innervazione vegetativa del cuore e polo inferiore del rene.
2. Confusione di tutti i sonni, innervazione vegetativa dei polmoni e segmento sottostante del rene.
3. Confusione di tutti i piaceri, innervazione vegetativa del pancreas e segmento sottostante del rene.
4. Confusione di tutti i dolori, innervazione vegetativa della milza e segmento sottostante del rene.
5. Confusione di tutti gli odii, innervazione vegetativa del fegato e segmento sottostante del rene.
6. Confusione di tutti i ricordi, innervazione vegetativa degli organi sessuali e della vescica urinaria segmento sottostante del rene.
7. Confusione di tutti gli oblii, innervazione vegetativa dell'apparato gastrico e segmento sottostante del rene.
8. Confusione di tutti gli amori, innervazione vegetativa dell'intestino e polo superiore del rene.

Banda N° 7. - I dolori e i segmenti della milza.
1. Dolore per l'amor sessuale e margine anteriore della milza.
2. Dolore per la famiglia e segmento retrostante della milza. 3. Dolore per la patria e segmento retrostante della milza.
4. Dolore per l'umanità e per la religione e segmento retrostante della milza.
5. Dolore per la società e segmento retrostante della milza.
6. Dolore nella natura e segmento retrostante della milza.
7. Dolore nell'arte e segmento retrostante della milza.
8. Dolore per il lavoro e margine posteriore della milza.

Banda N° 8. - I piaceri e i segmenti del pancreas.
1. Piacere sessuale e margine della testa del pancreas.
2. Piacere per la famiglia e segmento susseguente del pancreas.
3. Piacere per la patria e segmento susseguente del pancreas.
4. Piacere in rapporto all'umanità e alla religione e segmento susseguente del pancreas.
5. Piacere per la società e segmento susseguente del pancreas.
6. Piacere per la natura e segmento susseguente del pancreas.
7. Piacere per l'arte e segmento susseguente del pancreas.
8. Piacere per il lavoro e margine della coda del pancreas.

Banda N° 9. - I sonni e i segmenti dei polmoni.
1. Il sonno, l'amore sessuale e la base dei polmoni.
2. Il sonno, la famiglia e un segmento soprastante dei polmoni.
3. Il sonno, la patria e il terzo medio dei polmoni.
4. Il sonno, l'umanità, la religione e gli apici dei polmoni.
5. Il sonno, la società e i bronchi.
6. Il sonno, la natura e la trachea.
7. Il sonno, l'arte e la laringe.
8. Il sonno, il lavoro e le fosse nasali.

Banda N° 10. - Le emozioni e i segmenti del cuore.
1. Emozione sessuale e margine sinistro del cuore.
2. Emozione familiare e segmento susseguente.
3. Emozione patria e segmento susseguente.
4. Emozione umanitaria e religiosa e segmento susseguente.
5. Emozione per la società e segmento susseguente.
6. Emozione per la natura e segmento susseguente.
7. Emozione per l'arte e segmento susseguente.
8. Emozione per il lavoro e margine destro del cuore.